mercoledì 17 luglio 2013

Consigli per l'Estate | Igiene personale e Profumo




(Sottotitolo come vivere in pace e senza puzze)

Questo post è un'ode, al profumo e agli odori, che nella bella stagione sembrano accentuarsi e che nel caso di città come Roma o Milano sono sopraffatti dalle puzze a partire da quelle in strada e nei luoghi pubblici, che sembrano avere la meglio su di noi e sopratutto sul nostro naso e a volte anche lo stomaco è messo a dura prova da pesanti bombardamenti olfattivi.
Ci sono però degli accorgimenti per difendersi dalle puzze e quantomeno arginarle per l'arco di tempo che occorre per fuggire altrove.

Parlare di profumi è facile ma parlare di odori o puzze non lo è affatto, per questo vi avverto che se siete sensibili e di stomaco delicato non leggete questo post, per tutti gli altri dallo stomaco forte ecco una lista di regole per emanare un buon odore.

REGOLA N° 1,  LAVARSI è la regola che vale per tutti, anche quelli che non amano indossare profumi, sembra un concetto vecchio e ovvio ma non lo è visto che in giro ci sono "fetecchie" ambulanti sempre in agguato.
Il segreto è avere cura del corpo, lavarsi spesso o quasi aiuta ma solo con saponi delicati, lavarsi spesso significa anche fare una continua e leggera esfoliazione dell'epidermide e quindi saponi aggressivi possono alla lunga creare fastidiose irritazioni.

REGOLA N° 2, USARE IL DEODORANTE, anche questa regola è d'obbligo, sopratutto d'estate e in città, a meno che non abbitiate in un luogo fresco e asciutto o lontano dalla civiltà, tipo con i lama sulle Ande? Ma credo che anche in quel caso per non far fuggire i lama sia utile avere un'odore consono ad un essere umano, anche perchè i lama sono piuttosto suscettibili.
Non ci sono scuse, chi emana cattivi odori di solito è recidivo e l'odore che emana è ben diverso di quello, anche forte, di chi si è lavato e deodorato. Quindi comprate il deodorante e usatelo dopo ogni doccia, bagno e sopratutto se avete una sudorazione abbondante una rinfrescata alle ascelle durante la giornata non sarebbe male, per queste rinfrescatine esistono in commercio salviettine deodoranti formato mini poket da mettere in borsetta e se le rinfrescatine prevedono anche un cambio di maglietta sarebbe meglio.

REGOLA N°3, CAMBIARE ABITO OGNI GIORNO, sopratutto in estate questa regola è valida sopratutto per quei capi che contengono poliestere, modal, elastam, tactel, microfibra, queste fibre sono sintetiche, ossia plastica e una maglietta al 70% elastam, mocrofibra etc... non lascia traspirare la vostra pelle e l'odore che emana in un'ora è come quello di una maglietta in fibra naturale usata tutto il giorno.
Fra le fibre naturali più usate per la creazione di tessuti freschi e leggeri ci sono: cotone, lino, seta.
Anche la viscosa può essere impiegata per la creazione di abiti freschi e leggeri, e trattandosi di fibra creata artificialmente molti tendono ad associarla alle fibre sintetiche ma la sua formula è essenzialmente cellulosa estratta dal cotone o dal lino e quinti origine naturale, simile per lucentezza alla seta e come questa se lavorata fitta non molto fresca d'estate ma se lavorata leggera sembra di indossare il nulla.

REGOLA N°4, UTILIZZO DI COADIUVANTI, il TALCO.
Quanto detto finora è la buona base per essere puliti e profumati in maniera più o meno neutra, con questa regola inizia un percorso verso i profumi.
Il talco è un buonissimo coadiuvante del deodorante e del profumo, se lo usate dopo ogni bagno o doccia è rinfrescate, sopratutto nelle zone delicate eviterà fastidiose irritazioni e arrossamenti dovuti al caldo e al sudore, se poi frizionate collo e braccia è un delicato profumo. 
Attenzione però a non eccedere nell'uso sopratutto se indossate abiti scuri perchè tende a lasciare aloni.
Vi dò una dritta, sopratutto a voi che avete un seno abbondante come il mio, usatelo sul seno, nelle zone delicate, aiuta nelle giornate più calde a non sentire ferreti e fastidiosi elastici che in certi giorni sembrano infuocati.
Per me la parola talco evoca profumo di pulito e la confezione verde del classico quanto delizioso talco ROBERTS.

REGOLA N°5 UTILIZZO DI ACQUE PROFUMATE o EAU DE TOILETTE.
Trattandosi della regola N°5 non poteva che iniziare da qui il vademecum sull'utilizzo vero e proprio dei profumi. 
Le acque o eau de toilette sono una fetta importante se non la principale fonte di guadagno delle case cosmetiche, economici rispetto al Parfum, per la loro composizione leggera, fatta del 20% o più di acqua a seconda della casa cosmetica, prevede anche un utilizzo più frequente nell'arco della giornata a meno che non siano molto intensi e durevoli, in tal caso il dosaggio dipende tutto dal grado di tolleranza del vostro naso.
Sono gradevoli alleati delle situazioni descritte nella regola n°1, quando "fetecchie ambulanti" vi colgono di sorpresa in luoghi pubblici, per questi casi l'eau de toilette o acqua profumata tascabile, pronta all'uso e in borsa, è una piacevole alleata e dosarne un pò su una sciarpa o un fazzoletto aiuta a non reagire con maleparole, sopratutto in estate con tutto lo stress da caldo.

REGOLA N°6 UTILIZZO DEL PROFUMO.
Sono le vere essenze di profumo, 100% essenza profumata senza diluenti o acqua, sono più persisenti delle acque profumate o di colonia, proprio perchè la nota di testa, la principale, non è stata diluita, costano di più di tutti gli altri prodotti profumieri della stessa casa, per questo sono spesso in vendita in confezioni più piccole, anche perchè il dosaggio, essendo più intense, è dilazionato con tempi più lunghi rispetto alle acque profumate.
I profumi hanno colorazione e intensità diversa rispetto le acque e anche per questo vanno usate in maniera ponderata, un utilizzo eccessivo può macchiare la pelle in maniera irreversibile sopratutto se ci si espone al sole.
E' preferibile mettere il profumo o in zone nascoste o poco visibili come la nuca, gomiti o il retro delle ginocchia.
Questo vale anche per le acque o Eau se hanno una colorazione intensa.

Il principio con cui ho scritto il post è lo stesso degli altri, curiosità e divulgazione, però qui non mi sono astenuta da una certa indignazione.
Con questi accorgimenti dovreste essere a posto e, per quel che mi riguarda, credo anche di avervi avvertito, il caldo è intenso, come lo stress da pre-vacanza e gli odori che emaniamo sono fondamentali per mantenere una civile convivenza, non stupitevi se vi prendono a male parole per strada o sul bus, una controllata ogni tanto all'odore che emaniamo è segno di autostima e rispetto anche verso gli altri, per cui, anche se non volete profumarvi troppo, per varie ragioni, scegliere di utilizzare almeno le basi, la REGOLA N°1 e N°2, non ci sono scuse sapone e deodorante li trovate anche a pochi centesimi e pochi spicci  , in questo caso, fanno la differenza fra un sorriso o una parolaccia.

A proposito del post e per una buona comprensione della nostra epoca, ricordo a tutti che il '700 è stato il più puzzolente di tutti i periodi ma è anche famoso per l'invezione dei profumi  come li conosciamo oggi, famosi nasi e profumieri nascono in quell'epoca proprio a causa delle puzze.
Anche allora le persone andavano in giro con fazzoletti profumati e se oggi siamo tornati a farne uso non è un buon segno, il '700 era famoso per la scarsa igiene e per la dissoluta quanto marcia società, cipria, pizzi e merletti bianchi, coprivano strati di lercio.
Dalla bellezza d'abito si giudicava il prossimo, il contenuto era poco importante, il candore della veste e il profumo che emanava una persona erano i parametri di giudizio con cui si distingueva un'animo nobile da uno che non lo era, poco importa se pidocchi e dubbia moralità erano sotto l'abito, il profumo faceva la differenza.
Oggi il paradosso è più o meno lo stesso ma senza il profumo il che, secondo me, ci rende peggio delle persone del '700.  

Per una lettura di approfondimento al tema: profumo consiglio caldamente una lettura da portare in vacanza, "Il Profumo" di Patrick Suskind.

Buona Giornata (Beaty e buona lettura)!