mercoledì 29 febbraio 2012

P.P.

Ad ogni piccolo piacere, corrisponde una nota dolente, quel punto storto della giornata che fa capolino nella fila alla posta o nel portare avanti pratiche noiose e iter lavorativi ripetitivi, per non parlare del disagio che stiamo vivendo.
L'importante non perdere le staffe, non farsi sopraffare dalla noia e credere in ciò che si fa.
Seeee bravaaaa! clap clap...applausi! A parole sembra facile ma nella realtà è tutt'altra cosa.
Cosa fare? Cambia il punto di vista applicalo a quello che stai facendo, funziona montare su un tavolo o una sedia, scegliere di ascoltare una musica diversa, scegliendo random fra le stazioni radio, aprire a caso un libro e meditare sulla prima frase che capita sotto gli occhi, pescare a caso nel cassetto la maglia da mettere oggi.
Sono salita sul tavolo e ho visto sulla libreria un libro che pensavo fosse perso, Banana Yoshimoto, H/H, l'ho aperto a caso e ho letto:

"Tutti quando parlano di fantasmi dicono: Che paura! Che paura! Ma a me fanno più paura i vivi"

Alla radio tre frequenze più in là, una canzone....



Dal cassetto ho pescato una maglia verde e dal taccuino sul tavolo spunta lei...


Capisco che c'è un filo conduttore, non so se lo ho descritto bene nel post ma spero di trasmettervi la visione, il piccolo piacere che mi aiuterà ad andare avanti in una giornata che prevedo serena ma uggiosa.
Buon Proseguimento Gente!